MODUS

 

 

Rete MODUS

Modello
Organizzativo
Didattico
Unitario per le
Scuole

ITCG
“G. Manthonè”
Pescara
 
Nell’ambito del:

  • P.O. FSE Abruzzo 2007-2013 Obiettivo “Competitività Regionale e Occupazione”
  • Protocollo d’intesa tra regione Abruzzo e U.S.R.
  • Progetto Speciale Multiasse “ Reti  per il rafforzamento del sistema di istruzione”
  • Linea di Intervento 3.E “Promuovere reti i scambio di esperienze tra scuole e tra associazioni di insegnanti finalizzate a rafforzare la cultura della valutazione”
  • Sub Azione 2: Costituzione di reti tematiche a carattere regionale – Asse Tematico: “Valutazione delle scuole”

 

l’Istituto Tecnico Commerciale “G. Manthonè” di Pescara è stato designato quale Istituto capofila per la costituzione di una rete di scuole e associazioni professionali   per la realizzazione di un percorso di ricerca avente per oggetto la valutazione delle scuole.
La rete Modus, acronimo del relativo progetto (Modello Organizzativo Didattico Unitario per le Scuole), si caratterizza come rete ampiamente articolata sia per distribuzione territoriale che per diversificazione delle tipologie di scuole che vi hanno aderito ; essa vanta l’adesione di ben due associazioni professionali di insegnanti quali CIDI di Pescara e DIESSE Abruzzo.

Partners:
  
ITCG "G. Manthonè"- PescaraProf.ssa Donatella D'Amico (Dirigente Scolastico) - Responsabile del progetto

Prof.ssa Giuseppina Fusco

Prof.ssa Rosanna Merciaro

Prof.ssa Rossana D'Ignazio

Direzione Didattica 2° Circolo di PescaraDott.ssa Maria Grazia Santilli (Dirigente Scolastico)

Dott.ssa Maria De Sanctis (docente)

Scuola  Media  Antonelli – Croce di PescaraProf.ssa Ada Grillantini (Dirigente Scolastico)

Prof.ssa Carmen Guarracino

Prof.ssa Annamaria Pasquali

Istituto Comprensivo di Torre dè Passeri (Pe)Dott.ssa Caterina Fantauzzi (Dirigente Scolastico)

Prof.ssa Rosa Stampone

Liceo Scientifico Statale “L. da Vinci”- Pescara
Prof. Pasquale Sofi (Dirigente Scolastico)

Prof.ssa Silvia Di Paolo

Prof.ssa Patrizia Pagliuca

Liceo Scientifico Statale “Luca  da  Penne” - Penne (Pe)Prof.ssa Natalina Ciacio (Dirigente Scolastico)

Prof.ssa Stefania Cardone

Istituto di Istruzione Superiore  “Di Poppa-Rozzi” - TeramoProf. Luigi Valentini (Dirigente Scolastico)

Prof.ssa Franca Bartolini

Prof.ssa Gabriella Colangeli

Associazione Professionale di Insegnanti CIDI - PescaraProf.ssa Daniela Casaccia (Presidente)

Prof.ssa Angela Caruso

Prof.ssa Marilena Nobis

Associazione Professionale di Insegnanti DIESSE AbruzzoProf. Carlo Di Michele (Presidente)

Prof.ssa Antonella Sanvitale

Descrizione del progetto di intervento

1. Ipotesi di lavoro

– Condividere ed analizzare modelli e prassi studiati o applicati dalle unità di rete, nell’ambito di esperienze valutative interne (ricognizione dell’esistente);
– Ricercare, studiare e approfondire modelli di valutazione elaborati in letteratura e pratiche valutative generate in contesti empirici;
– Verificare l’adattabilità dei modelli e delle pratiche alla realtà specifica della regione Abruzzo, per tramite delle singole unità scolastiche.
2. Motivazioni
– Soddisfare le esigenze di valutazione che emergono dai vari “stake holders” (famiglie, soggetti economici, comunità sociale, ecc,) i quali, interagendo con il sistema scolastico, esprimono una domanda consapevole ed – esigente di qualificazione del servizio.
– Abbandonare la logica dell’autoreferenzialità per dotarsi di modalità rigorose e sistematiche di monitoraggio dell’operato e dei risultati, in un’ottica di sviluppo organizzativo e individuale.
– Promuovere il confronto tra scuole sulla dimensione valutativa come momento essenziale della crescita e sviluppo dell’autonomia.
– Rispondere ai criteri di efficacia ed efficienza presenti nel piano dell’offerta formativa, attivando procedure e strumenti valutativi, come repertorio tecnico funzionale ad una gestione della scuola che miri a massimizzare l’uso delle risorse a disposizione.
3. Finalita
– Definire criteri oggettivi e condivisi di osservazione e riflessione critica sulle proprie performance , sui propri punti di forza e di debolezza, con lo scopo precipuo di predisporre piani di cambiamento e/o miglioramento.
– Impiantare o implementare un modello di valutazione caratterizzato da un insieme di indicatori atti a:

1. tradurre la volontà conoscitiva in misurazione oggettiva;
2. confrontare misurazioni effettuate in tempi o spazi diversi;
3. confrontare aspetti differenti della stessa realtà scolastica, per conoscerne i punti di forza e di debolezza.
Entra nella sezione relativa ai materiali prodotti

prof.ssa Giuseppina Fusco (Coordinamento)